fare la birra in casa

Ecco Come Fare la Birra Artigianale

Abbiamo molte domande su come esattamente facciamo birra. È una domanda difficile perché la birra è la fusione perfetta dell’arte e della scienza. Come lo descrivi facilmente?!?! Davvero, non puoi.

Ma quello che abbiamo fatto qui è provare a fornirti una buona base per poter seguire le discussioni con i tuoi amici entusiasti della birra al pub.

Prima cosa: la birra è fatta con quattro ingredienti: grano, acqua, luppolo e lievito
Naturalmente è possibile utilizzare più ingredienti, ma chiunque sostiene di utilizzare meno di quattro ingredienti ti sta filando un filo che non vale la pena di ascoltare.

L’orzo e il frumento di malto sono i grani più comuni utilizzati nella birra, ma molti altri possono essere utilizzati (anche se normalmente non come grano principale perché non possono convertire abbastanza amidi in zuccheri) come la segale, l’aglio, l’avena e il riso.

L’acqua influenzerà il sapore e il corpo della birra. Il luppolo viene utilizzato per dare all’amarezza e all’aroma la birra. Il lievito crea alcool (e ha una grande influenza sul gusto).

Altre “cose” possono essere aggiunte alla birra (come frutta, spezie, erbe, qualunque cosa), ma a meno che non disponga dei quattro ingredienti elencati, non è birra.

Facciamo la nostra birra!

1) Mashing: Grano + Acqua = Wort

La birra è fatta dagli estratti di zuccheri da vari tipi di grano usando acqua calda. Questo processo è chiamato mashing. Vogliamo che gli zuccheri siano estratti dai granuli nell’acqua per creare una soluzione fermentabile (chiamata “wort”).

Quando diciamo “fermentabili”, intendiamo essere fermentati dal lievito per produrre alcool (i lieviti “mangiano” zucchero e producono alcool e gas di anidride carbonica).

La temperatura e l’ora sono fattori chiave nel processo di mash. Troppo caldo o troppo freddo non otterrà l’ammontare giusto o tipi giusti di zuccheri nel mosto.

E il mash deve essere tenuto alla giusta temperatura (s) per abbastanza tempo per estrarre abbastanza degli zuccheri desiderati. Per riferimento, un mash assume in media 60-90 minuti ed è ad una temperatura di circa 65C.

Potresti aver visto alcuni kit di homebrewing che utilizzano un estratto di malto simile allo sciroppo. L’estratto viene semplicemente mescolato con acqua calda e produce il wort istantaneamente in modo da poter saltare il passo.

Questo si chiama estrazione di estrazione mentre il paragrafo precedente descrive la fermentazione a tutti i grani.

La differenza principale è che quest’ultimo richiede più tempo (e richiede attrezzature per macinare la birra), ma consente di produrre una gamma più ampia di stili di birra. Letteralmente, se riuscirai a sognare, puoi prepararlo. (AVVERTENZA: potrebbe essere brutale)

2) Fare Bollire il Frumento

Dopo che il mosto è pronto, deve essere bollito. Oltre a eliminare la soluzione di tutti i batteri o delle potenziali fonti di infezione, la bollitura separa alcune proteine ​​dal mosto e assicura che il wort raggiunga il volume giusto per la fermentazione.

Mentre il vino si bolle, l’acqua viene evaporata lasciando una soluzione di zucchero più elevato. Più a lungo bolle, più lo zucchero ha (di solito). Ciò porterà ad un contenuto di alcol più elevato dopo la fermentazione (a scapito del volume).

La maggior parte dei bolliti prende 60-90 minuti, ma ci sono naturalmente eccezioni.

3) Aggiungere il Luppolo

Il luppolo può essere aggiunto al mosto in varie fasi: Iniziare a bollire; Durante la bollitura; Alla fine della bollitura.

Il più lungo luppolo sta bollendo, più amarezza che creano. Quando diminuiscono il tempo in cui si bolle, aumenta la quantità di sapore e aroma che contribuiscono alla birra finita.

Anche il luppolo può essere aggiunto durante la fermentazione (chiamata asciugatura a secco) per dare un profumo e un sapore molto afferri. Ci piace fare saltare a secco presso la Rye River Brewing Company.

4) Aggiungere il Lievito

Quando la farina è completa, il frumento deve essere raffreddato ad una temperatura che non è ostile (o mortale) per il lievito.

Ciò avviene tipicamente molto rapidamente (entro 30 minuti) per evitare che i sapori sfocino dall’accumulo di determinati composti e causino anche delle proteine ​​che potrebbero compromettere la chiarezza della birra per abbandonare il mosto.

È importante ricordare che qualsiasi cosa che entri in contatto con il wort dopo la fase di bollire deve essere sterilizzata.

Quando il wort è abbastanza freddo (circa 24 ° C a seconda del lievito utilizzato), il wort può essere trasferito nella vasca in cui sarà in grado di fermentare. Poi viene aggiunto il lievito (o come detto nel business).

Il wort può anche essere aerato (scosso per esempio) per aumentare i livelli di ossigeno a beneficio del lievito.

5) Lasciate Fermentare

Il vaso di fermentazione (di solito un carbocco o un secchio per un homebrewer) che il mosto gassato con il lievito è in deve essere ermetico per prevenire l’ossidazione e l’infezione da microbi indesiderati. La maggior parte delle navi ha un coperchio e un airlock (un dispositivo che consente solo l’uscita di gas / aria e non entrare).

Il vaso viene quindi messo in un luogo buio (per prevenire danni al lievito e successivi aromi) a una temperatura controllata che mantiene la birra fermentante entro la temperatura di fermentazione raccomandata del lievito.

Temps fuori da questa gamma (che varia a seconda della tipologia di birra) può causare sapori indesiderati o fermare la fermentazione.

La maggior parte della fermentazione può richiedere solo una settimana, ma è più comune lasciare la birra a condizione per un periodo di tempo prima dell’imbottigliamento o della coclea.

6) Fai Bottiglia

Quando la fermentazione è completa, molti birrifici di grandi dimensioni o commerciali filtreranno il lievito fuori dalla birra finita e forza il carbonato (pompa in CO2) durante l’imbottigliamento o l’abbassamento.

Questo è il motivo per cui la tipica birra di birra commerciale è di solito molto chiara e non esiste residuo sul fondo della bottiglia. La maggior parte dei homebrewers (e molti bruciatori artigianali) tuttavia non filtrano il lievito.

Ciò significa che la birra in bottiglia / bobina è ancora “viva”. Oltre a permettere alla birra di “invecchiare” e cambiare il suo profilo gusto nel tempo, il lievito residuo della birra aiuterà anche a carbonarlo naturalmente.

Quando i produttori di birra fanno questo, devono prima controllare che il processo di fermentazione / condizionamento sia completo completando una lettura del contenuto di zucchero nella birra finita all’ora di imbottigliamento (ricordate: il lievito mangiò lo zucchero durante la fermentazione, ma se ci sono rimasti troppo.

Provocherà una sovrabbonazione e troppe pressioni si accumuleranno nelle bottiglie perché non ci sarà ora un modo per uscire dalla CO2). Se ciò accade, le bottiglie possono esplodere. Ma, per ottenere la carbonatazione, hai bisogno di fermentazione per continuare nelle bottiglie.

Quindi, quando la birreria sa che la fermentazione si è fermata, un certo zucchero supplementare (chiamato “zucchero di primavera”) viene aggiunto alla birra in modo che una piccola fermentazione ricomincerà. La birra viene poi trasferita in bottiglie sterilizzate e coperta.

7) Bere

A meno che la birra non venga filtrata e forza carbonata, a seconda della temperatura in cui sono conservate le bottiglie, la birra avrà bisogno di poche settimane per fermentare lo zucchero di priming e causare la carbonizzazione della birra.

È necessario anche il tempo per condizionare ulteriormente la birra per un gusto ottimale. Se decidi di produrre birra e andare per una birra molto ostile, le regole cambiano un po ‘. Le birre Hoppy (IPA ad esempio) sono meglio ubriache fresche come il sapore di luppolo inizia a dissipare rapidamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *